Differenza tra há e tem in portoghese

Per chi è agli inizi nello studio del portoghese, queste due espressioni possono creare confusione. Vediamo perché e cosa significano. Differenza tra há e tem in portoghese Há in portoghese Há = existir = c’è/ci sono Há um gato no jardim = c’è un gatto in giardino Há muitas flores no jardim = ci sono […]

Differenza verbi transitivi e intransitivi

La differenza tra verbi transitivi e intransitivi è utile per sapere quando usare l’ausiliare essere o avere nella creazione dei tempi composti, primo fra tutti il pasato prossimo. Non è così semplice e tra poco capirete il perché. Possiamo dire che con i verbi transitivi l’azione passa dal soggetto all’oggetto che la riceve (complemento oggetto). […]

Come si scrive qualora, qual’ora o qual ora? Sveliamo il mistero della grafia corretta

Qual è la grafia corretta: qualora, qual’ora o qual ora? Scopriamolo insieme, analizzando l’origine del termine e le regole grammaticali per capire quale sia la forma corretta da utilizzare. La parola “qualora” deriva dall’unione di due parole italiane: “qual” e “ora”. “Qual” è un avverbio che indica una scelta tra diverse possibilità, mentre “ora” si […]

Complemento di vantaggio e svantaggio

Il complemento di vantaggio Indica una persona, animale, oggetto o cosa astratta che trae vantaggio o beneficio dall’azione espressa dal verbo. Si riconosce facilmente quando è introdotto dalle locuzioni: a vantaggio di a/in favore di in difesa di Ma può anche essere introdotto dalla preposizione per. Risponde alle domande: Per chi?/Per cosa? A vantaggio di […]

Complemento d’agente e di causa efficiente – spiegazione ed esempi

In questo articolo spiegherò il complemento d’agente e di causa efficiente e le differenze con il complemento di fine o scopo, già spiegato in questo articolo. Complemento d’agente e di causa efficiente Entrambi questi complementi sono introdotti dalla preposizione da (semplice o articolata) indicano chi o cosa ha provocato l’azione subita dal soggetto della frase. […]

Complemento di fine o scopo

Il complemento di fine o scopo indica, come è facile intuire, un fine, uno scopo, un obiettivo o una meta per il quale viene svolta l’azione espressa dal verbo. Ad esempio: Mi alleno per vincere la maratona. L’azione espressa dal verbo allenarsi viene svolta per uno scopo preciso, ovvero quello di vincere la maratona. Da […]

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto